In Israeleחדשותlegalizzazione

Netanyahu sostiene il disegno di legge per far crescere una pianta di cannabis e abolire l'incriminazione

Il primo ministro Sharon ha espresso il suo sostegno al nuovo disegno di legge di MK Sharan Haskel, che abolisce completamente l'incriminazione dei consumatori di cannabis in Israele e consente la crescita della cannabis di una pianta per il proprio uso. Nei prossimi giorni, si deciderà se il governo sarà in grado di avanzare in un processo accelerato ancor prima che la Knesset decida per una pausa elettorale.

I due nuovi disegni di legge, uno per l'abolizione totale della cannibizzazione della cannabis e uno per il commercio in crescita e l'uso della CBD, sono stati consolidati in una proposta che potrebbe essere messa sul tavolo della Knesset nei prossimi giorni, se il governo lo approverà.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha espresso il suo sostegno al nuovo disegno di legge, stilato da MK Sharan Haskel, e sta valutando i progressi come aveva promesso prima delle elezioni nell'attuale governo.

Sharan Heschel (Foto: Jonathan Sindall, Flash 90)
Inizia la nuova fattura. Sharan Heschel (Foto: Jonathan Sindall, Flash 90)

Se MK Haskal e il primo ministro Benjamin Netanyahu saranno sufficienti per avanzare, la proposta sarà messa ai voti nella prima lettura della Knesset la prossima settimana, seguita da una seconda lettura e una terza e probabilmente da un'approvazione finale la prossima settimana.

Se approvato, sarebbe l'unica proposta approvata dal governo nella Knesset 21 più breve nei governi israeliani.

Il calendario è di grande importanza, dato che tra circa tre settimane la Knesset partirà per una pausa elettorale e sarà impossibile votare nuove fatture fino a quando il prossimo governo non sarà formato dopo le elezioni.

Se alla fine il disegno di legge sarà approvato e approvato, è un messaggio enorme per i consumatori di cannabis in Israele che possono detenere e consumare cannabis nella loro casa senza timore di incursioni e incriminazioni.

Contrariamente alla nuova legge attuata dal ministro Gilad Erdan due mesi fa e non cancella affatto l'incriminazione, la nuova legge (i cui dettagli sono pieni qui) Abolirà l'incriminazione dell'uso della cannabis in un'area interamente privata.

Oltre alle disposizioni del disegno di legge, la cannabis che pesa fino a 50 sarà autorizzata per l'uso personale e anche una piantina di cannabis a casa sarà autorizzata per il proprio uso.

La proposta include anche il permesso di libero scambio e l'uso della CBD e dei suoi prodotti, la componente della cannabis che non è "padroneggiata". Questo ingrediente è legale in America e 75% dei paesi europei ed è considerato particolarmente sano e ha un enorme potenziale per l'industria alimentare, cosmetica e sanitaria.

Tuttavia, anche se il governo approva il passaggio del disegno di legge al voto, nel momento in cui il conto raggiunge una terza lettura, potrebbero esserci dei cambiamenti in alcune delle sue clausole ed è ragionevole presumere che, se approvato, sarà un po 'meno permissivo. Queste sezioni saranno discusse dal Comitato dopo una prima lettura.

Inoltre, l'opposizione al disegno di legge dovrebbe essere espressa dai partiti ultra-ortodossi e dai partiti di estrema destra, che hanno espresso la loro indignazione per qualsiasi promozione di allentamento delle leggi sulla cannabis.

Pertanto, al fine di ottenere la maggioranza a favore del disegno di legge in un voto nel plenum della Knesset, sarà richiesto il sostegno dei partiti di opposizione, MKs (Labour e Meretz), che sono attesi, almeno secondo loro, di sostenerlo.

Benjamin Netanyahu (Foto: Jonathan Sindall, Flash 90)
Sostiene il conto per far crescere una pianta di cannabis a casa. Benjamin Netanyahu (Foto: Jonathan Sindall, Flash 90)

MK Heschel ha espresso ottimismo questa sera e crede che il governo approverà la promozione del disegno di legge e la sua approvazione anche prima delle nuove elezioni. Allo stesso tempo, ha paura dell'opposizione dei partiti di opposizione.

Fonti nella nota del governo alla rivista Cannabis che la proposta arriva anche come risposta allo storico tribunale della cannabis, dal "progresso del rimedio al colpo", in vista di un'audizione nei prossimi mesi davanti a tre giudici della Corte Suprema.

Circa due settimane fa, il Ministro della Giustizia MK Amir Ohana è stato nominato per sostenere la legalizzazione. In questo modo, ricoprirà anche il ruolo di capo del comitato ministeriale per la legislazione, che approverà quali leggi saranno messe ai voti.


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto