In Israeleחדשותכלכלהpolitica

Relazione: Ehud Barak lascia la cannabis e torna alla politica

Sei mesi dopo l'adesione della cannabis settore ed è stato nominato capo della società "Kndok" ha riferito Radio dell'Esercito che l'ex primo ministro Ehud Barak torna alla politica e correre per il partito primo "lavoro". In risposta a precipitare il valore delle azioni in borsa. Barak sostiene la legalizzazione di Israele e ritengono che sia giunto il momento di regolamentare Il mercato

L'ex primo ministro Ehud Barak sta tornando in politica e si candida alla leadership del partito laburista nelle elezioni interne che si terranno poco prima delle imminenti elezioni 2019 di settembre.

Il significato della decisione di Barak, se è vero che il rapporto sulla Radio dell'esercito è corretto, è la partenza della compagnia di cannabis "Kandok", che dirige Negli ultimi sei mesi E viene scambiato in borsa sotto la quota di InterCure con cui è fusa.

In seguito al rapporto, la quota di InterCure è crollata del tre e mezzo percento e continua a diminuire.

Secondo i rapporti, se Barak vince il partito laburista, Barak sta valutando la possibilità di unirsi a Tzipi Livni, che si è dimesso dal partito "campo sionista" prima delle prime elezioni 2019.

Barak è stato nel ruolo di presidente di "Kendallk" da settembre e 2018 è impiegato in esso part-time In cambio 10,000 al mese. Inoltre, ha ricevuto opzioni per un valore di 1 milione di NIS.

Barak ha anche portato con sé famosi investitori, tra cui il milionario svizzero Gary Figel e il fondatore di WeWork Adam Neumann. I due hanno investito insieme 11 milioni nella società.

Al suo picco, la quota di InterCure ha raggiunto un valore di 1.2 miliardi in borsa, ma da allora è stata ridotta di quasi la metà e attualmente è scambiata a un valore di 659 milioni.

Se Barak vince le primarie del Labour, sarà il secondo capo consecutivo del partito, dopo Avi Gabbai, che sostiene il pieno e assoluto sostegno per la legalizzazione della cannabis in Israele.

Il mese scorso in un'intervista con la rivista Cannabis Ha detto Barak ha detto che era giunto il momento di approvare la legalizzazione anche in Israele.

"Non ho dubbi che questo è il momento per la regolamentazione", ha detto. "Succede in tutto il mondo, in Canada, in Europa, succederà tra due o tre anni negli Stati Uniti, dove un terzo dei paesi l'ha già organizzato. Nei prossimi anni sembra diffondersi. "

Il Partito laburista, per la prima volta nelle elezioni 2019, ha aggiunto la legalizzazione alla piattaforma del partito e ha promesso di far avanzare la questione nella Knesset.


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto