storiaStoria e letteratura

La più antica prova di fumo è stata trovata nella cannabis - ed è 2,500 di un anno

I ricercatori hanno recentemente scoperto che la fonte della pianta di canapa è probabilmente 20 milioni di anni fa, ma ora si trova quello che è forse la più antica evidenza di fumare cannabis con una percentuale elevata di THC per effetto psicoattivo, probabilmente come parte di un rituale di sepoltura.

Gli archeologi hanno trovato strumenti per bruciare piante nel cimitero Jirzankal nelle montagne del Pamir, nella Cina occidentale, dove resti di ciò che i ricercatori ritengono sia la più antica prova del fumo di cannabis con un forte effetto psicoattivo.

Vasi di legno e ciottoli carbonizzati che contenevano tracce di componenti di cannabis
Vasi di legno e ciottoli carbonizzati che contenevano tracce di componenti di cannabis

All'interno delle navi, gli archeologi hanno trovato ciottoli carbonizzati con ciò che è stato identificato come resti di cannabis con valori CBN Alto: un componente che risulta dalla degradazione del componente THC, La sostanza psicoattiva nella cannabis.

Ciò significa che la maggior parte della CBN che era in realtà nelle sue fasi iniziali era psicoattiva. Inoltre, sono stati trovati resti di cannabinoidi CBD e CBL.

Quantità di cannabinoidi trovati in vasi antichi
Quantità di cannabinoidi trovati in vasi antichi: principalmente CBN, cannabinoidi formati da vecchi THC

Nello studio I ricercatori stimano il reperto come 2,500 anni, rendendolo la più antica prova del fumo di cannabis, che è stato fatto in quei giorni non con le articolazioni ma riscaldando le piante in una ciotola piena di pietre bruciate e l'inalazione di fumo che sale nei polmoni.

Questa non è la prima volta che i resti di cannabis sono stati trovati in antiche tombe in Cina, e anche di recente Sono stati rilevati I resti delle piante di cannabis 2,500 nell'area non sono lontane, ma questa potrebbe essere la prova più schiacciante per l'uso, il cui scopo principale era la "digestione".

"C'è un lungo dibattito sulle origini del fumo di cannabis e molte affermazioni speculative sul suo uso antico", spiega Robert Spengler dell'Istituto Max Planck per le scienze della storia umana. "Lo studio presenta le prime prove inequivocabili sia per una pianta con un'alta percentuale di ingredienti attivi che per il suo uso come farmaco."

Scheletri in una tomba antica
Scheletri antichi nella tomba di Jyrznekel nella Cina occidentale

I reperti interessanti sono stati scoperti dopo che gli archeologi hanno raschiato resti carbonizzati degli stessi ciottoli in antichi vasi NNUMX che sono stati trovati nella tomba e li hanno esaminati utilizzando un processo chiamato gas cromatografia (GC) che consente la separazione di materiali in miniatura, identificazione e quantificazione.

"Fortunatamente, siamo stati in grado di rilevare i segni biologici della cannabis, principalmente componenti associati agli effetti psicoattivi della pianta", afferma Yimin Yang dell'Università di Scienze di Pechino.

Reperti degli archeologi negli scavi nella tomba di Jirznekel nella Cina occidentale
Reperti degli archeologi negli scavi nella tomba di Jirznekel nella Cina occidentale

Insieme agli strumenti utilizzati per fumare la cannabis, i ricercatori hanno trovato placche e ciotole di legno, perle di vetro, ritagli di seta e un'arpa cinese, un dispositivo che spesso appariva ai funerali antichi e alle cerimonie sacrificali.

Gli scheletri che sono stati trovati sul sito non sono stati esaminati in profondità, ma alcuni dei buchi sono stati posizionati nei loro crani, aumentando la possibilità che almeno alcuni degli uccisi siano stati uccisi o uccisi durante le battaglie.

"In tutte le navi, sono stati rilevati segni di cannabis che suggeriscono che ne è stato fatto un uso cerimoniale, presumibilmente per comunicare con la natura o gli spiriti delle persone morte", dice Yang, direttore della ricerca.

Regione di Girznekel nella Cina occidentale
Regione di Girznekel nella Cina occidentale

Il sito di scavo dove sono stati trovati i reperti si trova nella Cina occidentale, non lontano dalla regione del Tibet, a nord dell'India e del Nepal - dove i ricercatori stimano che sia stato trovato anche L'origine della cannabis Da 20 un milione di anni fa.

Secondo i ricercatori, Pamir, dove sono stati trovati gli strumenti, oggi sono isolati, ma sono stati apparentemente usati come un modo per connettersi alla Via della Seta - la principale arteria commerciale in Asia attraverso la quale le merci sono state trasportate in tutto il mondo.

"Questo è un meraviglioso esempio dello stretto rapporto che gli umani hanno con il mondo biologico che li circonda", hanno concluso i ricercatori.

Vedi di più:
Trovato nel più antico botto del mondo: Ben 900 anno
La principessa che aveva il cancro e fumava marijuana


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto