Salute e ricercaCannabis Medical

Il libro verde: la guida ufficiale alla cura clinica nella cannabis medica

L'ultima versione (December 17) del Green Book - la guida clinica ufficiale per il trattamento dello stato di Israele nella cannabis medica.

Il libro verde è la guida ufficiale della cannabis medica del Ministero della salute, che è stato progettato per addestrare i medici a trattare la cannabis medica come parte del "- Medicalizzazione'.

La bozza del "Libro verde" in ebraico fu rivelata per la prima volta Qui nella rivista Più all'inizio di 2016. Verso la fine di 2017, il Ministero della Salute ha pubblicato una versione aggiornata in cui prometteva che avrebbe presto pubblicato una versione inglese, che abbiamo anche pubblicato per la prima volta qui.

L'opuscolo si chiama 'Cannabis Medical - Opuscolo informativo e guida medicaE lo ha scritto e diretto l'unico regista di cannabis medica in Israele Boaz Yuval paesaggio lungo Albo. Preparazione del libretto sono stati coinvolti Prof. Raphael Mechoulam, il Prof. Yoram Shapira, Bialer, Prof. Arnon Afek, il Dr. Boaz Lev, il Dr. Michael Dorn, il Dr. Eyal Schwartzberg e il Dr. Paula Ruszka.

L'obiettivo della "Medicinalizzazione" è definire procedure formali, formali, di produzione, di vendita e di trattamento in cannabis medica che soddisfino standard rigorosi progettati per garantire la produzione di appartamenti con parametri precisi.

Allo stesso tempo, il Ministero della Salute sembra aver ignorato parametri importanti, come il fatto che probabilmente non ci saranno molte specie differenti di cannabis nel prossimo futuro. Un altro problema è che la scienza non ha ancora identificato tutti i componenti della cannabis, quindi la precisione nella coltivazione della cannabis è quasi impossibile.

Secondo le nuove linee guida ogni vertebra alla filiera vertebra di beni cannabis dovrà soddisfare gli standard di qualità, grado medico '(Msedical Grade), per esempio, IMC-GAP (crescita), IMC-GMP (Manufacturing), IMC-GSP (sicurezza) IMC-PIL (distribuzione) e IMC-GCP (trattamento clinico a destra) elencati in questo opuscolo.

Cannabinoidi e il sistema endocannabinoide

Il documento descrive la maggior parte delle informazioni importanti raccolte negli ultimi anni nel campo della cannabis e lo studio delle sue componenti e del loro effetto, la maggior parte delle quali è stata pubblicata e appare qui nella rivista.

Tra queste ci sono le differenze tra cannabis sativa Per cannabis Indica E una spiegazione di loro appare I cannabinoidi, Endocannabinoidi (cannabinoidi prodotti dal corpo), fito-cannabinoidi (quando in pianta), terpeni, tricomi, ecc.

Sativa vs. Indica

Nel documento, il Ministero della salute insegna ai medici THC, CBD, CBN, spiega il sistema endocannabinoide (ECS) composto da "anandamide" e "2-AG" e dai recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2 che sono presenti in sistemi importanti nel corpo umano.

C'è anche menzione di cannabinoidi sintetici (JWH-018 e simili), che sono più forti di THN 10 e sono molto più pericolosi da usare (sono usati in miscele,Bel ragazzo'E le carovane di Sami).

Tabella delle nuove specie di cannabis

Secondo le procedure del libretto, i fiori di cannabis saranno forniti in accordo con la concentrazione di THC e CBD in intervalli variabili secondo una nuova tabella di distribuzione che definisce tre categorie: varietà ricche di THC, ad alta concentrazione di CBD ed equilibrate. Vengono quindi suddivisi in sottocategorie in cui T sta per THC e C rappresenta CBD.

Distribuzione di ceppi di cannabis medicinali

La categoria intensiva di CBD non indica una riduzione tra Sativa e indica e divide solo i ceppi in 4. Diversi livelli: T0 / C24, ad esempio, includerà ceppi vicini a 24% CBD e 0% THC. Il secondo livello è T1 / C20, ALLORA T3 / C15 e così via.

Quindi una piccola categoria di ceppi contenenti quantità uguali di THC e CBD al limite 8 a 12 per cento, chiamato T10 / C10.

La categoria più ampia, che si riferisce anche alla separazione tra sativa e indica, è quella dei ceppi "ricchi di THC" suddivisi in diversi livelli per ciascuna famiglia. Ad esempio, il sottotipo T3 / C15 è costituito da ceppi contenenti 3% THC e 15% CBD.

È ancora noto su quali basi il Ministero della Salute israeliano ha deciso di distribuire questa specie e di non consentire, ad esempio, l'uso di varietà contenenti 15% CBD e 10% THC. Questa è una delle decisioni più controverse degli autori del libretto, che in realtà elimina 70-80% di tutte le specie di cannabis attualmente in uso in Israele.

Un altro problema serio è che questa distribuzione si riferisce solo alle differenze tra THC e CBD e ignora completamente l '"effetto entourage" e gli altri componenti presenti nella cannabis, alcuni dei quali sono risultati importanti quanto i cannabinoidi THC e CBD.

Da 10 a 60 al mese: a partire da 0.6 grammi al giorno

Basandosi sulla distribuzione di ceppi di cannabis a gruppi di THC e CBD, il Ministero della Sanità israeliano ha costruito una tabella aggiuntiva che riguarda qualsiasi combinazione di quantità per il trattamento di alcune malattie.

Adattamento dei ceppi di Cannabis alle malattie
(Clicca per ingrandire)

Anche in questo caso, non è chiaro su quali basi il Ministero della Salute ha determinato l'associazione tra quantità di THC e CBD per il trattamento di varie malattie.

Ad esempio, si raccomanda che i pazienti oncologici trattati con chemioterapia inizino con il gruppo T10 / C2, ad eccezione di quelli affetti da cancro al fegato, che non è raccomandato per il THC in generale, ma nelle varietà ricche di CBD / T0 CBD.

Per i pazienti affetti da malattia infiammatoria intestinale (Crohn e colite), il libretto consiglia di iniziare i ceppi di cannabis T5 / C10 e quelli che soffrono di dolore neuropatico sono raccomandati per il gruppo T10 / C10. Per i pazienti terminali, il libretto consiglia di iniziare il trattamento con il gruppo T1 / C10.

Dopo l'inizio del trattamento e se il medico decide che non è abbastanza efficace, può scegliere il costo di dosaggio continuo come definito in questa tabella:

METODO DI TRATTAMENTO E AUMENTO DELLA CANNABIS

I pazienti riceveranno al massimo tra 10 e 60 di cannabis al mese, con la quantità iniziale raccomandata di 0.6 al giorno, ovvero 20 al mese. Questa decisione è basata su uno studio che non è stato condotto sulla cannabis ma su "Marinol"- un farmaco sintetico che simula l'attività del THC.

Ridurre le quantità e l'uso di THC

All'inizio del trattamento, i pazienti riceveranno solo gruppi 10% THC - questa sarà la "quantità iniziale raccomandata" (33-66 mg THC al giorno). Solo nella fase successiva - e solo se il medico ritiene che il trattamento non sia sufficiente - può trasferire il paziente a ceppi con 15%, 20% e 24% THC.

In generale, il MOH preferisce che un paziente tenga meno fiori contenenti più di THC e non la maggior parte dei fiori che contengono poco THC - una decisione controversa pure.

"Prima di aumentare la quantità mensile, si consiglia di passare prima a un prodotto con una maggiore concentrazione di principi attivi (ad esempio, la cannabis 10% THC per la cannabis 15% THC)", dice.

"La quantità di 40 di cannabis al mese è considerata una dose elevata, la quantità di 50-60 al mese o più è una fase di esame in cui viene ulteriormente chiarita la questione se il paziente ha raggiunto il punto di completamento del trattamento con cannabis."

Come si può vedere chiaramente, il Ministero della Salute non è interessato all'utilizzo di varietà con 20% THC o superiore, che sono più popolari tra centinaia di migliaia di consumatori di cannabis "illegali", e riduce anche il loro uso il più possibile. Questo è apparentemente quello che il Ministero della Salute spera di evitare "perdite" nel mercato del tempo libero.

Stretta sorveglianza medica

Durante il corso del trattamento e in ciascuna delle fasi di aumento del dosaggio o della quantità, i medici saranno incaricati di esaminare una serie di opzioni per far fronte alle risposte al trattamento. Ad esempio, se c'è una risposta indesiderata al trattamento, il medico può prendere in considerazione 3 per ridurre la quantità o la dose (THC) e (1) al CBD.

Nella fase successiva, i medici sono istruiti su come scegliere una delle due modalità di trattamento: la prima opzione è quella di scegliere il trattamento usando un singolo prodotto di cannabis, o il trattamento con un numero di prodotti diversi in base alla genetica (Indica, , A seconda delle esigenze del paziente (giorno, notte) e della natura e delle modalità dell'uso personale del paziente.

Come consumare la cannabis e quanto

Descrive inoltre in che modo il paziente dovrebbe consumare cannabis. Coloro che "iniziano" con il trattamento dovrebbero aprirsi con una sola inalazione la prima mattina. E poi a una dose giornaliera di 4 a 6, il paziente raggiungerà 20 della quantità mensile raccomandata di cannabis. "

Il documento sottolinea che "l'effetto migliore potrebbe richiedere settimane o mesi". I pazienti seguiranno una tabella di follow-up per indicare quante inalazioni sono state prese ogni ora e ogni giorno.

Il metodo di assunzione della cannabis medica è anche dettagliato nell'infiorescenza (fumo) evaporazione), Olio (di vario genere) e cibo (principalmente biscotti, solo per bambini).

Si sottolinea che esiste un vantaggio nel fornire olio sotto la lingua consentendo il controllo del dosaggio. Tuttavia, si osserva che il consumo di cannabis nel fumo è caratterizzato da un rapido assorbimento e raggiunge una concentrazione di picco relativamente alta in breve tempo.

"Entro i giorni 5,% 80-90 dal THC viene rilasciato dal corpo", leggi di più. Descrive anche i possibili effetti collaterali della cannabis e il divieto di mescolare la cannabis con oppiacei, alcol o anestetici (interazioni).

Trattamento della cannabis medica

Il trattamento della cannabis sarà somministrato secondo la "Lista delle indicazioni" (procedura 106) - un elenco di malattie e sindromi per le quali i pazienti possono ricevere cure mediche nella cannabis. La cannabis è definita come "trattamento di ultima linea", il che significa che verrà somministrato solo dopo che i trattamenti convenzionali sono stati esauriti (oppioidi, interventi chirurgici, ecc.).

Nel documento viene anche sottolineato che la cannabis non deve essere consumata se mescolata con il tabacco, ma solo "pulita", così come le differenze tra l'uso di abuso e dipendenza e come i medici dovrebbero occuparsi di loro.

I pazienti saranno istruiti a sottoporsi a test ea dare seguito al loro uso, sia alla responsabilità del medico che alla responsabilità personale, e a rispondere a domande che assicurino che non sia un tossicodipendente. "Siate consapevoli che ci sono pazienti che pensano che la terapia con la cannabis sia una specie di magia, che riuscirà in pochi giorni a risolvere l'intero problema, ma questo non è il caso", sottolinea il riassunto del documento.

Documento completo:


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto