In Israeleחדשות

È stata presentata una denuncia alla polizia contro The IMCA Yuval Landschaft

Un reclamo per violazione della fiducia e conflitti di interesse è stato presentato contro la polizia contro il capo di stato maggiore Yuval Landschaft, contestualmente a un appello formale al ministero della Sanità che chiedeva immediatamente le dimissioni, a causa di un presunto collegamento con una società collegata all'industria della cannabis medica in Israele.

Un paziente di cannabis medica ha presentato una denuncia alla polizia di Dimona mercoledì contro il direttore della Medical Cannabis Yuval Landschaft in una clausola di violazione della fiducia, insieme a una lettera ufficiale al Ministero della Salute che chiedeva di licenziare Landschaft immediatamente.

Secondo il paziente, Ben Lavie, proprietario di Landschaft in una delle otto compagnie private, il cui petrolio è aumentato per la prima volta Nella pubblicità Della rivista Cannabis di 2012, apparentemente legata al campo della cannabis terapeutica, che è un conflitto di interessi.

anniversario Paesaggio (Foto: Miriam Alster, Flash 90)
Funziona in conflitto di interessi? Yuval Landschaft, direttore dell'unità Medical Cannabis (Foto: Miriam Elster, Flash 90)

Nella sua denuncia alla polizia, afferma che "il responsabile dell'unità sembra agire in un chiaro conflitto di interessi, indossando da un lato il cappello del regolatore, mentre controlla le società che operano nel mercato della farmacia".

Ha aggiunto che "il direttore dell'unità di cannabis medica sta conducendo azioni governative che sembrano avvantaggiarlo direttamente o indirettamente con il suo limite aggiuntivo come direttore aziendale privato e allo stesso tempo ignorando l'eccessiva raccolta effettuata dalle farmacie".

Allo stesso tempo, Lavi, in una lettera, si è rivolto a alti funzionari del Ministero della Salute, affermando una richiesta urgente di spostare il direttore di The IMCA Landschaft dalla carica. "La corretta amministrazione richiede che almeno lo Yuval Landschaft sia sospeso dalla direzione dell'unità, a condizione che non abbia rinunciato alle partecipazioni dirette e indirette in società private per suo conto", ha scritto.

"Sebbene durante gli anni delle sue funzioni il manager abbia guidato le mosse giuste e appropriate, ciò non lo assolve dalla responsabilità per il conflitto di interessi in cui ha presumibilmente agito - i conflitti di interessi come cristallini e possono essere definitivamente dimostrati da una semplice indagine nel registro pubblico delle società".

In conclusione, ha scritto all'Ufficio Litzman che "ti viene chiesto di spostare immediatamente il manager dalla sua posizione, anche senza aspettare che l'autorità garante della concorrenza completi l'inchiesta, dato che il conflitto di interessi non richiede ulteriori prove". Ha aggiunto: "Non è possibile per un regolatore statale indossare un cappello contemporaneamente al regolatore di un direttore aziendale privato che opera nella stessa area che sta regolando".

Lavi avverte persino il Ministero della Salute che se non si comportano così, si tratta di un esame di "formazione da brividi". Ha detto: “Evitare azioni rapide e decisive getterà la tua responsabilità sulle azioni improprie del manager per impostazione predefinita. Questa non è una punizione per il manager ma un passo necessario per proteggere il corretto funzionamento del servizio pubblico e del pubblico nel suo insieme. "

Oltre al reclamo della polizia e al rinvio al Ministero della Salute, Lavi ha anche presentato un altro reclamo all'Autorità garante della concorrenza, in precedenza "Autorità antitrust", sostenendo che le catene di reti di cannabis medica addebitano una tassa di marketing del 45%, ha affermato, "mentre la legge prevede tassi di profitto massimi. Di 25% ".

Sostiene che la denuncia all'autorità garante della concorrenza è stata presentata perché "rivela un fallimento del mercato che si tradurrà in una riduzione dei prodotti di cannabis del 20% entro domani mattina". Ovviamente Lavie punta al nuovo aumento dei prezzi dei prodotti a base di cannabis terapeutica dopo essere stati spediti in farmacia. La rete Super Pharm ha negato entrambe le posizioni.

Infine, Lavi ha chiesto alla Corte suprema di unirsi come parte nel caso La corte della cannabis medica Attualmente sta combattendo contro il Ministero della Salute, ha affermato, "con l'obiettivo di consentire all'attenzione dei giudici di portare le informazioni più importanti, che aiuteranno a far luce sui motivi di alcuni dei principali ostacoli del mercato della cannabis".

La scorsa settimana Inserito Lavi, uno studente di giurisprudenza, ha intentato un'azione legale per oltre mezzo miliardo di shekel contro compagnie di cannabis terapeutica, chiamato 40, un migliaio di pazienti per cannabis, per quello che definisce "il comportamento delle compagnie di cannabis come un cartello".

Tuttavia, nella sua denuncia alla polizia e nelle sue indagini alle autorità non si fa menzione della vicenda.La valigia della droga"Sotto di essa, Landschaft ha permesso il contrabbando di centinaia di piante di cannabis dagli Stati Uniti in violazione delle leggi internazionali sulle droghe e degli Stati Uniti, e senza conoscere alcune delle autorità israeliane.


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto