legalecriminale

Il diabetico è stato catturato con 500 causato dalla cannabis - lo stato ha richiesto la prigionia

Sebbene l'imputato non si inserisse in un programma di riabilitazione, il giudice lo considerava un capofamiglia di famiglia e quindi non intendeva commerciare cannabis, affermando che una frase leggera poteva essere soddisfatta.

La corte del magistrato di Kiryat Gat carote Di recente una frase relativamente leggera - solo un mese di servizio - per un uomo come 30, la cui casa è stata catturata per circa mezzo chilo di cannabis.

Il giudice, Dillo a Lahiani-Sham, Ha dichiarato il caso giustificato un'eccezione alla punizione abituale, dopo essere stato convinto che fosse semplicemente una persona normativa, un capofamiglia di famiglia indipendente, che soffriva di dolore alle gambe a causa di un problema medico.

Lo sono il giudice Tal Lahiani
Una penalità relativamente leggera. Justice Tal Lahiani Sho (sito web del tribunale)

L'accusa afferma che l'uomo detiene cannabis che pesa circa 507 una rete. Come parte del giovane patteggiamento, ha ammesso ed è stato condannato per un reato per possesso di una droga per autoconsumo.

Lo stato ha affermato che l'area punitiva in un caso del genere variava tra 4 mesi di prigione e un anno di prigione. Oltre alla pena detentiva, anche se al piano inferiore, lo stato ha cercato di imporgli sanzioni accessorie: libertà vigilata, una multa e una revoca della patente di guida.

Lo stato, rappresentato nel caso dall'avvocato Naama Klaus, ha sostenuto che da un lato l'imputato non ha precedenti penali, ma dall'altro è una grande quantità di cannabis e che non vi sono indicazioni sulla procedura di riabilitazione.

Consulenza legale gratuita e assistenza ai consumatori di cannabis

D'altra parte, l'avvocato Zana Zaitsev, a nome della difesa, ha cercato di deviare dal complesso punitivo e di accontentarsi di una punizione solo lungimirante. In questo contesto, la difesa ha cercato di tener conto delle condizioni mediche dell'imputato - che soffrono di diabete e dolore cronico alle gambe - che ha fatto da sfondo al reato.

Si afferma inoltre che l'imputato è un proprietario di famiglia e un'azienda nel settore dell'elettricità e delle comunicazioni, indicando una gestione normativa dello stile di vita, e che è il principale capofamiglia, in modo che una condanna "tangibile" alla detenzione comporterebbe un collasso finanziario della famiglia.

Inoltre, la difesa si riferiva al rimorso dell'imputato e che il processo stesso lo aveva già dissuaso abbastanza.

Dopo aver delineato le circostanze rilevanti per determinare la punizione, il giudice Lahiani-Shamah ha accettato l'area di rigore presentata dallo stato.

Tuttavia, il giudice ha anche concordato con la posizione di difesa che ha cercato di superare l'area di rigore per giustizia.

A questo proposito, il giudice ha fatto riferimento al fatto che l'imputato non rientrava nel programma di riabilitazione del servizio di libertà vigilata e ha chiarito che la sua considerazione dovrebbe essere interpretata in senso lato nello statuto, esaminando la condotta generale della convenuta in una varietà di settori della sua vita, ma non nel senso stretto di incorporazione nella procedura di riabilitazione all'interno del servizio di libertà vigilata. Qualsiasi altra interpretazione porterà a una irragionevole riduzione della discrezionalità giudiziaria e all'esclusione di ampie sentenze nel decreto. "

In altre parole, a suo avviso, in casi eccezionali l'area di rigore può essere superata anche senza la raccomandazione del servizio di libertà vigilata.

Nel merito del caso, il giudice ha osservato che "l'imputato deve essere tenuto in possesso della droga nella sua abitazione e non vi è alcuna indicazione dell'intenzione dell'imputato di commerciare e trarre profitto dalla droga".

A questo, il giudice ha aggiunto il passato pulito dell'imputato, aggiungendo che "nonostante le notevoli difficoltà mediche subite dall'imputato, è integrato nel mondo del lavoro come richiesto e fa sforzi per mantenere uno stile di vita normativo".

Tutte queste considerazioni hanno portato il giudice a condannare un mese di condanna al servizio. Inoltre, l'imputato è stato condannato a condanne mensili sospese per 5 per 3 anni, nonché una multa di NIS 1,500.

Lo scrittore, Adv. Alon Salzberg, che si occupa di questioni penali, non ha rappresentato il caso.


Multe di cannabis

(A partire da 1 in aprile 2019)

Basato su una figura rivelata dal ministro Erdan. La polizia si rifiuta di rivelare la figura ufficialeDettagli qui)

Torna a pulsante in alto